Rimani sempre aggiornato sulle notizie di portotorresnotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

A Porto Torres e all'Asinara è tempo di Monumenti Aperti

Sabato 16 e domenica 17 maggio in città gli studenti diventano "ciceroni". Domenica 17 appuntamento anche sull'isola parco

| di Redazione
| Categoria: Arte
STAMPA
La Basilica di San Gavino in una delle precedenti edizioni di Monumenti Aperti

Ventisei siti visitabili tra Porto Torres e l’Asinara, 620 alunni che vestiranno per due giorni i panni delle guide turistiche, più di cento tra singoli volontari e membri delle associazioni che hanno “adottato” i monumenti, diversi eventi collaterali a fare da corollario alla manifestazione. Sono i numeri della quinta edizione di Porto Torres Asinara Monumenti Aperti, organizzata dal Comune di Porto Torres con il supporto della sede turritana della Soprintendenza archeologica della Sardegna, dell’Ente Parco Asinara e in collaborazione con gli operatori culturali del territorio, le scuole cittadine e le associazioni.

La manifestazione è inserita nel circuito regionale “Monumenti Aperti” promosso dall’associazione Imago Mundi. Il Comune di Porto Torres ha aderito alla rete dei comuni nel 2011. La manifestazione punta a valorizzare il patrimonio storico e archeologico, affidando la “narrazione” principalmente agli studenti, i quali rappresentano l’80% circa dei volontari coinvolti. Monumenti Aperti è un appuntamento che ha principalmente una valenza didattica, in quanto contribuisce ad accrescere la conoscenza sui beni culturali da parte dei giovani. Le attività di supervisione e formazione sono state svolte dagli operatori delle cooperative L’ibis e Turris Bisleonis assieme ai docenti dei tre istituti cittadini, mentre per quanto riguarda l’Asinara si è registrato il supporto della società Shardana.

Nell’edizione 2015 saranno illustrati dagli studenti, per la prima volta, la Batteria antinave di Ponte Romano e la chiesa di Cristo Risorto. Il primo sito, “riemerso” durante i lavori di forestazione nella cosiddetta Area 55, si sviluppa a ovest del Ponte Romano. Sono postazioni militari il cui impianto risale al 1873 e che erano funzionanti durante il primo e il secondo conflitto mondiale. L’attività didattica per questo monumento è stata realizzata in collaborazione con il professionista Pierpaolo Dore. Nella chiesa di Cristo Risorto ci sarà, invece, la possibilità di scoprire le origini della nascita dell’edificio di culto e approfondire le informazioni su dipinti e opere degli artisti locali, presenti all’interno della chiesa.

Gli studenti svolgeranno le visite guidate anche nella Basilica romanica di San Gavino, negli atri Metropoli e Comita, nel complesso monumentale di Monte Agellu, nelle chiese di Balai vicino e Balai lontano, nella Chiesa della Consolata, nel Palazzo del Marchese, nell’Antiquarium Turritano, nel Palazzo di Re Barbaro e nella Domus di Orfeo, nelle Terme Maetzke, nella Domus dei mosaici marini, nelle Terme Pallottino, nel Ponte Romano, nelle Tombe ad arcosolio del Nautico, nell’Ipogeo e nel colombario di Tanca Borgona, nella Necropoli di Su Crucifissu Mannu, nel Museo del Porto, nel Rifugio antiaereo De Amicis, nella scuola elementare De Amicis, nelle fornaci e area Ferromin.

Grazie alla collaborazione con Atp, nelle due giornate sarà in funzione a Porto Torres il bus turistico “Oreste”. Il capolinea è di fronte alla Basilica di San Gavino. Per il solo sito di Su Crucifissu Mannu, che si trova fuori città, saranno effettuate singole corse (una pomeridiana il 16 maggio; una mattutina e una pomeridiana il 17 maggio) con sosta di mezz’ora e ripartenza al termine della visita.

All’Asinara (la manifestazione si terrà sull’isola unicamente nella giornata di domenica 17 maggio) saranno visitabili la Cappella Austroungarica a Cala Reale, mentre nella località di Campu Perdu gli studenti forniranno spiegazioni sull’Ossario, sul Carcere e sulle Domus de Janas. Sull’isola i visitatori avranno la possibilità di effettuare un suggestivo percorso di trekking curato dall’associazione A.T.eNA. in collaborazione con Giampaolo Demartis, alla scoperta dei siti e delle peculiarità naturalistiche dell’Asinara.

Porto Torres Asinara Monumenti Aperti è presente anche sul web (www.comune.porto-torres.ss.it e www.monumentiaperti.com) e sui social network. l tag ufficiali di questa edizione sono #maperti15, #ptmaperti e #ptmaperti15.

Elenco monumenti, eventi collaterali e informazioni sul bus turistico

Redazione

Contatti

redazione@portotorresnotizie.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK